Sviluppo a rete: tutti ci provano, pochi ci pigliano


novembre 27

Tutti ambiscono a sviluppare il proprio business fuori dall’Italia in
mercati lucrativi apparentemente facili da raggiungere. Supportati da dati di
continua ascesa e dal successo intramontabile del Made in Italy, molti
imprenditori approcciano tali mercati con superficialità ed improvvisazione,
ambendo ad incontrare o meglio, ad “inciampare” nel tanto sognato investitore
che possa dare il là alla svolta.

Oggi non si aspira più a creare una catena di negozi o locali pubblici
infinita, ma ci si focalizza nel creare “quanto basta” per vendere
occasionalmente o per essere appetibili al primo fondo d’investimenti
interessato.

Così, spesso, si parte per “vacanze esplorative”, tra visite a possibili
locations e complesse conversazioni con gli operatori locali. Ma questo non
basta. Un paese è permeato da usi e costumi differenti che spaziano dall’ambito
culturale a quello legale, non è sufficiente un breve soggiorno e le
informazioni che si reperiscono su internet o da eventuali conoscenti per avere
successo in un mercato straniero.

Questo approccio mentale e culturale di sviluppo è considerato di “fortuna”
e quindi non oggetto di investimenti economici su risorse umane competenti e
professionali.

Pur di vendere e svilupparsi, si aprono punti vendita all’estero senza aver
prima perfezionato e portato a sistema il proprio format in Italia, applicando
quindi uno sviluppo a “macchia di leopardo” e andando a sconquassare le non
poche operations e procedure, se presenti, con notevoli ripercussioni sui
margini operativi e relativa credibilità del Brand stesso.

Fare
ristorazione nel 2017: ripartire dall’analisi

Questo non può definirsi un lavoro programmatico e difficilmente sviluppa
relazioni serie e durature tra le parti. Oramai anche, anzi, soprattutto i
mercati lucrativi sono molto restii a dialogare con questo tipo di personaggi e
con i brand rappresentano.

Un format italiano ad esempio non potrà essere replicato tale e quale in
tutti i paesi del mondo, se non è nato già con un’impronta internazionale.
Probabilmente sarà necessario rivedere il format, i processi e le procedure,
capire che tipo di costi dovranno essere sostenuti per le esportazioni, se
potranno essere mantenuti gli stessi standard qualitativi mediante le
spedizioni e se sia quindi sufficiente inviare i prodotti o se sia necessario
ricercarli sul posto, in modo che il prodotto finito venduto qui sia identico a
quello venduto negli Stati Uniti o in Medio Oriente.

Il ruolo della catena del freddo nei processi di int.

Un altro aspetto fondamentale da tenere in considerazione è il personale.
Per il tipo di concept e il tipo di prodotto che vendo è sufficiente stilare un
“manuale di istruzioni” da consegnare ai dipendenti o sarà necessaria una
formazione continua e approfondita? Il manager che gestirà il nuovo punto
vendita potrà essere reperito in loco o dovrò trasferire temporaneamente un
responsabile in zona?

Franchising e formazione del personale.

O ancora: posso usare lo stesso stile di comunicazione che adotto nel mio
paese d’origine o dovrò applicare immagini e contenuti diversi? In che modo
posso comunicare efficacemente senza incorrere in “incidenti
diplomatici”?  È indubbio che la globalizzazione abbia portato
ad una forte standardizzazione ma anche al desiderio di vedere valorizzata
maggiormente la diversità. Infatti, il futuro dello sviluppo a rete è da considerarsi
in forma mista tra ingegnerizzazione delle operations e declinazione delle
peculiarità locali per far coesistere standard internazionali e magari, per
esempio, alcuni prodotti locali. Quindi, più di prima, bisogna essere pronti a
declinare propriamente il proprio format, adeguando gli assets della
comunicazione, il contratto in base alle leggi locali e/o internazionali,
nonché la proposta concettuale laddove le operations incontrano usi e costumi distanti
dai nostri.

DESITA supporta le agenzia di comunicazione.

Ci saranno sempre più imprenditori virtuosi a procedere per giusti step e a
macchia d’olio, investendo in risorse umane di livello e con esperienza
specifica sia nel settore che nel territorio di riferimento. Noi siamo a
disposizione!

 

DESITA è specializzata nella creazione e sviluppo di food & retail business a livello internazionale dal 2004, affiancando gli imprenditori nel loro percorso di crescita.


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*