Quali saranno i ricordi gustativi delle prossime generazioni?


maggio 21

Cosa resterà di questi anni 80? si chiedeva Raf in una nota canzone, oggi potremmo dire che non è rimasto granché, almeno dal punto di vista culinario: verdurina decorativa nel piatto? ELIMINATA! Panna da cucina? ELIMINATA! E l’elenco sarebbe piuttosto lungo.

Quello che, invece, si ricordano bene sia i baby boomers (i figli del dopoguerra), che la generazione X (nati dal 1960 al 1980) è il sapore delle ricette cucinate dalle nonne e dalle mamme.

Quei sughi, quegli arrosti, quelle tagliatelle che hanno sempre rappresentato molto più che semplici pietanze: sono state la sintesi di uno stile di vita, simboli delle priorità italiche, luci in fondo ai tunnel delle scatolette di tonno mangiate da studenti in trasferta, fari guida nel caos distopico delle mode.

E chi è nato dopo? Già, loro. Quelli immersi nel tempo degli “straccetti di seitan con barbabietole biologiche e curcuma”, quelli del fast food tutti i giorni “perché è comodo”, delle madri ipertech che ordinano al giappo con lo smartphone e delle trasmissioni televisive dove devi imparare ad abbinare la carne di bisonte con l’estratto di bacche di Goji o sei uno sfigato.

Cosa resterà nella memoria delle loro papille gustative? Quali saranno i cibi, le tradizioni, i sapori che si ricorderanno tra trent’anni, avvertendo il profondo bisogno di goderli ancora e di trasmetterli ai loro figli, ai loro nipoti?

Se cogliere lo spirito delle nuove generazioni è sempre complesso, diventa ancora più sfidante provare a proiettarsi nel futuro e immaginare cosa ci sarà sulle loro tavole.

Abbiamo posto il quesito ad alcuni millenials (nati tra il 1980 e il 1990) e il riscontro è stato sorprendente (o tranquillizzante, dipende dai punti di vista):

  • Roberta, 29 anni, scommette che continuerà a mangiare le nostre verdure e la pasta fatta in casa, i cannelloni, soprattutto, e che la domenica a pranzo non farà mai mancare un dolce;
  • Gaia, 33 anni, ha come priorità le modalità di cottura, più che un prodotto in particolare: vapore e griglia, per l’esattezza, in modo da toccare le materie prime il meno possibile e potersi dedicare alla convivialità senza troppi sensi di colpa;
  • Nicolò, 24 anni, non rinuncerà mai al prosciutto crudo, alla mozzarella di bufala, ma anche alla Nutella e alla Coca Cola (giura anche di non arrabbiarsi coi figli se ne faranno incetta).

Sembrerebbe, quindi, che, a questo livello, non si sia manifestato un processo di contaminazione gastronomica così invasivo e pervasivo da far tremare le fondamenta del tricolore.

Ma è di fronte agli esponenti della generazione Z (nati dal 1995 al 2010) che alziamo le antenne:

  • Paola, 14 anni, ci parla della sua passione per la cucina cinese e di come la diverta afferrare il cibo con le bacchette, come nelle serie tv americane o farsi consegnare la cena a casa per dedicarsi al binge watching con le amiche;
  • Riccardo, 13 anni, non sa rispondere, ma ha le idee piuttosto chiare su cosa non potrà mai mancare nella sua vita: la possibilità di personalizzare e comporre i piatti come preferisce (un desiderio ben colto dal menù componibile di Starbucks e confermato dalla designer messicana terza candidata al DESITA AWARD 2017 che ha proposto un particolare tipo di vassoio adatto non solo per il delivery, ma anche per la conservazione separata di tutti gli ingredienti da posizionare, poi, sulla propria pizza;
  • Giorgio, 15 anni, ha una vera passione per la pinsa – ibrido tra pizza e piada che sta spopolando da qualche tempo a questa parte – anche perché la trova più leggera e digeribile di altre pietanze, ideale per quando deve fare sport.
  • Thomas, 15 anni, è rimasto impressionato dai racconti del papà sugli allevamenti intensivi e spergiura che vorrà sempre consumare carni e prodotti che rispettino “la madre terra”, in tutte le sue forme. Perché “il gusto è importante, ma la vita più”.

Insomma, tra le nuovissime generazioni sembra prender piede non tanto la curiosità nei confronti di alimenti esotici e alternativi, quanto un diverso approccio al concetto stesso di alimentazione, vista più in logica funzionale a bisogni individuali e valori sociali che come vizio del palato in sé.

 

 

DESITA è specializzata nella creazione e sviluppo di food & retail business a livello internazionale dal 2004, affiancando gli imprenditori nel loro percorso di crescita.


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*