Food gaming e il nuovo marketing a domicilio

.

Cosa ne fate del cartone della pizza? E della vaschetta del gelato a portar via? Probabilmente la prima domanda che ci viene in mente è: li getto nell’umido o nella plastica? Ciò di cui, forse, non siamo pienamente consapevoli è che quei contenitori stazionano sulle nostre tavole, sotto i nostri occhi, per un tempo che concede ben più di uno sguardo. Un tempo decisamente superiore a quello che potremmo destinare all’analisi di un volantino, di un cartellone pubblicitario, forse, anche di un’insegna.

Con l’intensificarsi delle attività svolte da casa e l’aumento esponenziale del delivery, sia a pranzo che a cena, per i brand del food si consolidano nuovi canali di comunicazione con la propria clientela e nuove opportunità per coinvolgerla e fidelizzarla.

E non si tratta di riempire di informazioni tutte le superfici disponibili, ma di proporre esperienze di consumo innovative, capaci di stimolare la creatività e appagare quel bisogno di leggerezza e convivialità che tanto ci manca in questo momento.

È un trend emerso anche nelle centinaia di progetti partecipanti alla 6° edizione del nostro DESITA AWARD – Pizza e Gelato Experience – iniziativa che si riconferma un vero e proprio laboratorio internazionale di ricerca e sviluppo ad altissimo valore pragmatico – che interpretano alla perfezione l’esigenza di alimentare ancora di più quel “marketing a domicilio” spesso sottovalutato o non adeguatamente considerato dalle aziende, ma, soprattutto, viene gettata una nuova luce sulla potenzialità ludiche di quei supporti che, da sempre, pensiamo come semplici rifiuti, non certo come strumenti di entertainment.

Così troviamo, tra i molti esempi, il cartone per la pizza traforato che si può trasformare in un gioco tridimensionale o che riporta stampato sopra un cruciverba per distrarsi mentre si mangia; il piatto-gioco componibile che offre spunto per piccole gare tra amici o il box porta-ingredienti che diventa un matterello e, con l’aiuto di una app, ti aiuta a creare la pizza in casa. Lato gelateria, l’imperativo è quello di “condividere e separare”, ovvero, la possibilità di portare a casa i gusti del gelato senza che questi si mescolino, con contenitori belli, sostenibili e riutilizzabili, oppure, svagarsi con App e videogiochi dedicati che si attivano alla scansione del QR code.

Alcuni esempi dei progetti pervenuti alla 6° edizione del DESITA AWARD 2020

Insomma, un mondo esclusivo, interattivo, divertente che supera il momento della fruizione e regala alla soddisfazione del palato quel qualcosa in più che parla del brand e di ciò che può rappresentare nella vita dei consumatori.

  • DESITA.IT
  • Desita Award, food&retail, Home
  • Nessun commento

Correlati

Nessuno trovato

Lascia un commento

*

IT EN
Simple Follow Buttons

You have successfully subscribed to the newsletter

There was an error while trying to send your request. Please try again.