DESITA analizza i food concept italiani sul magazine Retail & Food


maggio 17

Ogni cammino inizia con il primo passo…

Tutte le grandi imprese sono state prima piccole e le loro storie si tramandano come esempi di intuizione, visione strategica e ascolto del mercato.

Iniziamo dal titolo della rubrica: “Neonata” che richiama alla mente qualcosa di estremamente bello, potente, suggestivo e “in crescita”, ma anche fragile, non ancora consolidato, bisognoso di attenzioni.

Neonata getta uno sguardo sul futuro: identifica, analizza e racconta i food concept italiani ad alto potenziale di sviluppo che, ad oggi, hanno aperto un massimo di tre punti vendita. 

Il proposito è quello di valorizzare le buone idee di business ancora prima dei format e della diffusione a catena.

La nostra analisi del mese di maggio 2018: VOS

Archiviata la fase storica del cuoco impresentabile e vagamente minaccioso nascosto in cucina si è definitivamente consolidata l’era degli chef che lavorano a vista e svolazzano piacevolmente da un fuoco all’altro, sotto lo sguardo affascinato di clienti sempre più curiosi ed esigenti.

Così la formula proposta da Vosristorante, drogheria, cocktail bar – risulta fresca e contemporanea: un laboratorio/bistrot, con sezione street food e gastronomia, che punta a creare un clima informale e coinvolgente, apprezzabile dai millenial, ma senza perdere quel tocco di ricercatezza e tranquillità gradito della generazione x.

A vista anche la cantina, posizionata nella sala principale, che punta un occhio di bue sui prodotti italiani, pur con un’offerta ampia e trasversale.

SVILUPPO POTENZIALE

Il concept rispecchia perfettamente l’era dei luoghi conviviali, social, costruiti intorno al cibo per le persone, non solo per il cibo. La formula “cucina e bottega” spopola e, aperto a Berlino, New York o Sidney, con qualche aggiustamento, non sfigurerebbe affatto. Mixando con sapienza spazi, colori e materiali sarebbe suggestivo poter ricreare in tutto il mondo l’atmosfera magica della città eterna, epurata da quel sapore eccessivamente tradizionalista che a volte scoraggia pubblici cosmopoliti.

Considerata la complessità del concept, fondamentale sarà riuscire a strutturare il percorso di formazione e la stesura dei manuali operativi così da consentire al personale di mantenere la “promessa” che un luogo come questo deve necessariamente dichiarare e mettere al riparo l’investimento dai commenti negativi che proliferano nei social quando le procedure non sono proprio a regime.Sfoglia l’articolo su Retail & Food, ci trovi a pagina 78.

 

DESITA è specializzata nella creazione e sviluppo di food & retail business a livello internazionale dal 2004, affiancando gli imprenditori nel loro percorso di crescita.


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*